Non mi piacciono le paure

Odio le paure. Non devono esistere. Dobbiamo essere più forti di loro. Purtroppo la paura è una costante, da quando sono mamma. Ma è ora di smetterla, è ora di metterle da parte, di non ascoltarle per cercare di farle smettere di parlare. Chi mi sta attorno lo sa, sa quanto ami la mia famiglia, il mio ruolo di mamma, e soprattutto mio figlio, che ogni giorno mi da la possibilità di esserlo. E sicuramente è da questo desiderio immenso di proteggerlo, dalla voglia di godermi ogni attimo, che nascono le mie paure. Una volta credevo di tenere la vita in pugno, di poter controllare tutto o per lo meno mi lanciavo in ogni avventura in modo quasi spregiudicato, pensando che tanto ogni cosa sarebbe andata come sarebbe dovuta andare, l’importante era godersela. Ora è diverso, ora amo all’infinito la vita, soprattutto quella piccola che vive attorno a me, per la quale vivo. E non riesco a vivere in maniera tanto easy. Se prima credevo di tenere in mano la vita, vivendo ancora nel tentativo di afferrarla, ora la vita stessa mi fa paura, perché la amo, tanto. E ne apprezzo l’importanza, la profondità. Mi è stato detto che non è per forza tutto bianco o tutto nero, che ci sono le sfumature. E non per forza le sfumature devo immaginarle grigie. C’è il giallo, il rosa, l’arancione. Forse scrivendo posso riuscire a scacciare le paure, forse è un esercizio che mi serve. Voglio far uscire le mie emozioni più positive, voglio tornare a respirare i colori a pieni polmoni. Vorrei essere come tutte le mamme che scrivono, pubblicano le foto dei loro bimbi, condividono la loro felicità. A me, questa condivisione, ha sempre fatto paura. Lo faceva anche prima dei social. Le cose belle, non le raccontavo. Scaramanzia pura. Mia madre, dice che le cose belle vanno condivise, che si è egoisti se non lo si fa. Mi rimprovera il mio essere scaramantica, si chiede come sia possibile che una persona che ha studiato, che ha conosciuto abbastanza del mondo, possa vivere nascosta dietro stupide credenze. Me lo chiedo anch’io. Nonostante lei sia una persona molto ansiosa, invidio la sua razionalità. Il suo saper dare il giusto peso alle cose, quasi sempre. A qualcuno di voi è mai capitato? Ricomincio a scrivere con un post psicologico e, perdonatemi, sicuramente paranoico, ma vorrei che fosse l’ultimo. D’ora in poi voglio raccontare le mie esperienze, voglio riempire le mie pagine di vita vissuta, perchè ce n’è tanta, dietro i miei pensieri fitti e magari contorti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...