La spesa della domenica

Mi piace pensare che cose che iniziamo a fare per caso, possano diventare una specie di tradizione o abitudine nella nostra famiglia. Perché ogni famiglia ha le sue tradizioni, e ogni famiglia che nasce prima o poi dovrà crearsele delle tradizioni tutte sue, no?!

Bene, dal momento che ultimamente sto tornando a prestare molta attenzione all’alimentazione, questa volta tentando di coinvolgere anche il Lui grande, sto cercando di introdurre molte verdure nelle nostre cene, in modo da limitare la carne, visto che ultimamente stavamo diventando un po’ troppo carnivori (colpa sua! ;))

Dopo aver fatto una ricerca sui mercati di prodotti biologici esistenti a Roma, due domeniche fa abbiamo deciso di andare al mercato di Campagna Amica del Circo Massimo.

foto 1

Oltre ad essere un’occasione per farsi un bel giretto in una zona del centro dove non passiamo spesso, è un mercato veramente carino. C’è tantissima gente che si reca li puntualmente per fare la spesa settimanale, è super colorato e pieno di cose buone!

foto 2

foto 4

In realtà, ho scoperto che non si tratta di un mercato esclusivamente biologico. Le bancarelle di prodotti biologici sono solo alcune, le altre sono comunque organizzate da agricoltori locali che vendono i propri prodotti freschi. Anzi, parlando proprio con uno di loro, ho avuto la conferma di ciò che mio padre mi ripete da tempo: il biologico, per lo meno quello che troviamo in mercati e supermercati, nasconde soprattutto una gran bella tecnica di marketing. Infatti, per legge, le colture biologiche ammettono l’uso di determinati pesticidi, a cui a volte scelgono di ricorrere anche gli agricoltori “tradizionali”. Mi è stato spiegato, inoltre, che se si vuole avere la certezza assoluta di un prodotto davvero naturale, bisogna cercare gli orti biodinamici o sinergici, che organizzano le colture in modo che queste si auto-regolino, proteggendosi a vicenda. Purtroppo, in questi casi i rendimenti non sono così elevati da poter pensare ad una vendita sul mercato, quindi si tratta di colture a uso personale.

Quindi, sfatato il mito del biologico (anche se sono sicura che ogni tanto ci cascherò di nuovo!), siamo ricorsi ad acquisti più tradizionali (e più economici), facendo scorta settimanale!

foto 5

E Lui è stato talmente contento che ci siamo tornati anche ieri!!!

C’è anche un angolo carino dove i più piccoli possono esplorare degli orti in miniatura mentre i grandi fanno la spesa!

foto-3

Intanto in queste due settimane io mi sono sbizzarrita a cercare su internet ricette buone e vegetariane, che non facciano rimpiangere la bistecca di mammà!

Magari, se vi va, ve ne racconterò un po’!

2 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...